Dicembre 2020 – Bivio per tanti possessori di partita iva. Cosa succederà tra un mese?

da | Dic 1, 2020 | News | 0 commenti

Sapendo che il 2021 sarà un anno ancora più difficile, il mese di Dicembre diventa importante per tutti coloro che vogliono far sì che il prossimo anno rappresenti una rinascita.

Ben arrivato dicembre,

il mese per antonomasia bivio per tanti possessori di partita iva dividendoli in due grandi famiglie.

Da una parte, coloro che fanno parte di un grande coro e cantano una canzone fatta delle seguenti strofe:

“ci penserò a gennaio”;
” speriamo che il prossimo anno sia migliore”;
” vediamo come si chiude l’anno e poi si pensa”,



dall’altra invece, una piccola parte, direi il famoso 20 % della legge di Pareto (dell’80/20) che nonostante la pandemia, nonostante l’anno difficile, ora sta lavorando sodo per: 

  • programmare il nuovo anno.
  • pianificare strategie volte a fare impresa.
  • fare analisi dei dati, dei numeri e previsionale 2021.
  • investire nella giusta direzione, quella, volta a sviluppare nuovi mercati per fare impresa.

Un’impresa ha dichiarato che da aprile a settembre 2020 sono scomparse in Italia ben 98.000 imprese tra commercio, artigiani, imprese edili, settore turismo, industria e trasporti.


Alcune imprese erano già ferite eil 2020 ha dato il colpo di grazia; altre, non si sono sapute adeguare.

I settori più a rischio sono quelli soggetti all’andamento della domanda e al permanere delle misure di distanziamento sociale (turismo, tempo libero e trasporti).

Ma non per tutte le imprese è andata così: molte imprese hanno potuto riorganizzarsi grazie alla loro adattabilità in risposta alla crisi. Come?

Come abbiamo detto, la crisi economica provocata dal lockdown ha avuto un enorme impatto sulle imprese, che ha visto un incremento di chiusura attività più elevato tra le micro imprese e le piccole imprese.

Quelle che resistono sono le imprese dinamiche.

Ma quali sono le imprese dinamiche?

Un’impresa, difronte a condizioni interne o esterne che minacciano il successo dell’andamento del lavoro, deve chiedersi come poter fronteggiare la situazione e come organizzarsi per affrontarla o ridurne i suoi effetti.

Si tratta di imprese più organizzate, produttive, abituate alla competitività.

L’organizzare per un’azienda quindi, è un processo dinamico che va ben oltre la costituzione e l’attivazione di una struttura

Riguarda anche le strategie di risposta alla crisi, modificando la domanda e gli investimenti  anche riorganizzando e riadattando la propria attività

Il  miglioramento continuo che può e deve sempre essere migliorato,  è la base per il successo in un ambiente di lavoro, il quale si sviluppa sull’organizzazione per la soluzione di nuovi e spesso più complessi problemi.

Purtroppo e per fortuna, questa crisi attuale ha messo in evidenza luci e ombre delle imprese italiane, “premiando” chi si è attivato per recuperare la via della crescita utilizzando strumenti validi e innovativi a disposizione.

I cambiamenti in corso potranno essere temporanei o definitivi in questa nuova ottica di economia italiana e mondiale.

Bisogna quindi NON rimanere fermi o procrastinare. Le aziende dinamiche andranno avanti comunque con giuste strategie a portata di mano

Sapendo che il 2021 sarà un anno ancora più difficile, il mese di Dicembre abbiamo deciso di consegnare 120 minuti per una consulenza specialistica con un nostro consulente certificato.

Se vuoi programmare il tuo 2021, non devi far altro che scrivere a: info@deraweb.it

richiedendo la consulenza GRATUITA con i nostri specialisti.

In alternativa puoi entrare nella community Eroi della microimpresa.

Non farti trovare impreparato: programma ora per essere pronto il 01 gennaio.

Un caro saluto,

Fabio

Categorie